L’ANGOLO DEL DIRETTORE

Giovedì, 24 Settembre 2020

Gesù è una spada affilata nel cuore dell’umanità: impossibile ignorarla

Caro amico, ti meravigli che si attacchi Gesù, che gli si getti del fango addosso, che lo si bestemmi, mentre nessuna si sogna di fare altrettanto con gli altri fondatori di religione. Se ci pensi bene questo è un argomento a suo favore. Non si attacca chi  è un pugno di polvere, chi non ha più nulla di nuovo da dire, chi non inquieta e chi non si teme.

L’odio anticristiano, che è una costante della storia umana da quando Gesù ha incominciato ad annunciare il vangelo, è più vivo che mai. Non riguarda solo i suoi seguaci, ma Gesù stesso, la sua persona e punto focale del suo annuncio.

Si odia la Chiesa perché si odia Gesù e non viceversa. Si perseguita la Chiesa perché è fedele a Gesù e la si blandisce perché venga meno alla sua fedeltà. Per quanto gli uomini si diano da fare, non riescono a ignorare questa presenza inquietante.

Specialmente in questi ultimi due secoli si è fatto di tutto per demolire la figura del Cristo e per farlo dimenticare al genere umano.

La persecuzione alla Chiesa, che dalla rivoluzione francese in poi ha contrassegnato la storia mondiale, ha lo scopo di togliere dal mondo la presenza ingombrante di Gesù Cristo, sempre più intollerante da parte di un mondo che ha scelto se stesso come Dio.

E’ inevitabile porsi l’interrogativo che spieghi l’amore assoluto e l’odio inestinguibile che il Rabbi ebreo suscita negli uomini di ogni generazione. Anche oggi è Lui all’ordine del giorno e la nostra generazione, ancora più delle altre, si interroga, si appassiona e si divide. Gesù è una spada affilata nel cuore dell’umanità. E ‘impossibile ignorarla

Vostro Padre Livio