L’ANGOLO DEL DIRETTORE

Cari amici.

nel suo ultimo messaggio la Madonna non si stanca di richiamarci alla nostra responsabilità per la salvezza eterna delle anime. Dobbiamo innanzitutto sentirci responsabili della nostra anima, perché nessuno può salvarla al nostro posto. Ma è grande la responsabilità  anche per l’anima degli altri, in particolare dei nostri familiari, amici e conoscenti, oltre che di tutti gli uomini che sono nel peccato e hanno chiuso il cuore a Dio nell’impenitenza.

La Madonna ci incoraggia dicendo che “benedirà il centuplo il nostro sforzo e saremo testimoni tra i popoli. Le anime dei non credenti sentiranno la grazia della conversione ed il Cielo sarà grato per le vostre fatiche e i vostri sacrifici”. Che cosa c’è di più grande nella vita dell’aiutare i nostri fratelli a trovare Dio, il suo perdono e la sua pace, per poi essere con lui tutti insieme felici per l’eternità? Il Padre per il sacrificio di suo Figlio sulla Croce, per i meriti e le intercessioni della Beata Vergine Maria, dei Santi e anche per le nostre preghiera, dà grazie di conversione a chi cammina nelle tenebre del peccato e della morte.

Questi nostri fratelli però hanno bisogno di noi e della nostra testimonianza per sentire la voce di Dio che li chiama. Hanno bisogno di segni visibili per aprire gli occhi, per dilatare il cuore, per desiderare di cambiare. Hanno bisogno dei segni della nostra fede, delle parole che illuminano,  della speranza che consola, dell’amore che accoglie. Se noi abbiamo paura a dirci e a mostrarci cristiani, se ci vergogniamo di Gesù, se nascondiamo la verità, se pensiamo parliamo e agiamo come il mondo, come potranno questi nostri fratelli trovare la via della salvezza? Tutti possiamo aiutare la Madonna a salvare le anime.

Padre Livio