Il Purgatorio

ED. SUGARCO

Autore: Padre Livio Fanzaga

Da sempre l’uomo si è interrogato sul senso della vita e sul mistero della morte. La cultura atea e materialista, oggi dominante, non riesce certo a tranquillizzare le persone affermando che, con la morte, non resta di loro che un pugno di polvere. È contrario alla retta ragione, ma soprattutto ripugna al cuore. I « Novissimi » – la morte, il giudizio, l’inferno e il paradiso – sono stati per due millenni un tema fondamentale della catechesi e della predicazione.

Il purgatorio, a rigore, non è una « realtà ultima », in quanto termina con la fine del mondo… Non è lo stato definitivo dell’esistenza umana, come lo sono il paradiso e l’inferno. Non è neppure uno stato intermedio, perché tutte le anime che vi passano alla fine entreranno nel Regno dei Cieli. La conoscenza della dottrina sul purgatorio ha due motivazioni fondamentali. La prima è personale, perché riguarda lo sbocco della propria vita. Se si conoscesse più a fondo l’insegnamento sul purgatorio e sulle pene che le anime soffrono, si farebbe di tutto per evitarlo. La seconda è di carattere affettivo e riguarda in particolare la condizione nella quale si potrebbero trovare i nostri cari o le persone che conosciamo.

Al riguardo le curiosità o i tentativi di comunicare con l’aldilà non solo non sono di nessuna utilità, ma sono anche pericolosi. È importante invece sapere che noi, con le nostre preghiere, i sacrifici e le opere di carità possiamo essere di grande aiuto, abbreviando le loro pene.