Parolin: onorato di portare la vicinanza e l’affetto del Papa in Congo e Sud Sudan

Il cardinale Segretario di Stato in partenza oggi per l’Africa per rappresentare il Papa, impossibilitato a compiere il suo viaggio apostolico: “Da Francesco l’assicurazione per le due popolazioni che, appena le condizioni si presenteranno, sarà lui stesso a incontrarle". Prima tappa a Kinshasa e poi a Juba

Aborto e Corte Suprema, i titoli ovvi dei giornali e l’evidenza dell’esserino con le unghie

“È un viaggio importante, mi sento davvero onorato di poter andare sia nella Repubblica Democratica del Congo che in Sud Sudan e portare a quelle popolazioni l’affetto del Papa, insieme all’assicurazione che appena le condizioni lo permetteranno, soprattutto dal punto di vista della salute, sarà lui stesso a compiere questo viaggio”. Il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, è nel gate dell’Aeroporto Charles de Gaulle di Parigi in attesa di imbarcarsi per Kinshasa, capitale della Repubblica Democratica del Congo che rappresenta la prima tappa del viaggio dell’1-8 luglio, che comprende pure la trasferta in Sud Sudan.

In rappresentanza del Papa

Valigia nera piena di fogli con discorsi e omelie, il cuore ricolmo di speranze per una missione delicata, il porporato farà visita ai due Paesi africani in rappresentanza del Papa che, lo scorso 11 giugno, ha comunicato l’impossibilità di compiere il suo 37.mo viaggio apostolico internazionale a causa dei problemi di salute legati alla gamba destra. Un dolore grande, come ha detto lo stesso Pontefice all’Angelus, per una visita desiderata da anni e che in Sud Sudan Francesco avrebbe compiuto con l’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, e il moderatore dell’Assemblea generale della Chiesa di Scozia, Ian Greenshields.

L’incoraggiamento nella fede

A queste popolazioni il Papa ha promesso che le incontrerà personalmente per “incoraggiarli ad andare avanti nella loro fede e testimonianza cristiana”, dice Parolin ai media vaticani che lo accompagnano in questa trasferta di natura non diplomatica, nonostante siano previsti incontri con le autorità, ma principalmente pastorale.

Incontri e visite

“Lo scopo principale è quello di presiedere due Messe che si terranno rispettivamente il 3 luglio a Kinshasa e il 7 a Juba. Attorno a questa attività principale, i nunzi hanno organizzato altri incontri approfittando della presenza del Segretario di Stato in loco”. Tra questi, sono previsti nel programma per il Sud Sudan due appuntamenti significativi nel campo sfollati a Bentiu e un centro per bambini disabili a Usratuna.  “Andremo per manifestare la solidarietà del Papa nei confronti di queste persone che vivono in condizioni terribili, mi hanno detto che il campo è allagato da parecchio tempo… Ci sono diverse attività che riguardano varie categorie di persone ma sempre in quest’ottica di portare loro la presenza, l’affetto, la benedizione del Papa”, sottolinea il Segretario di Stato.

Il mandato del Papa

E riferisce anche le parole condivise con Papa Francesco prima della partenza. “Mi ha detto che era molto contento che ci fosse questa possibilità che io andassi a rappresentarlo, sapendo che da parte della popolazione, dopo la prima delusione all’annuncio della sua impossibilità di viaggiare, era subentrata una grande attesa e non è mai mancata la preghiera intensa per la sua salute”. “Il Papa – aggiunge il cardinale – mi ha confermato di essere portatore del suo affetto, del suo messaggio e del suo desiderio di recarsi personalmente come aveva inizialmente previsto”.

Il programma

Più nel dettaglio, secondo il programma diffuso oggi dalla Segreteria di Stato tramite l’account Twitter @TerzaLoggia, il cardinale domani, sabato 2 luglio, incontrerà il primo ministro congolese Jean-Michel Sama Lukande e parteciperà alla firma degli Accordi specifici della Conferenza episcopale nazionale del Congo con il governo. Previsto l’incontro anche con il presidente della Repubblica, Félix Tshisekedi. Il 3 luglio il cardinale presiederà la Messa davanti alla sede del Parlamento, nello stesso luogo in cui era prevista la celebrazione del Papa. Poi incontrerà le Congregazioni religiose locali.

Il 4 luglio avverrà invece lo spostamento a Juba, capitale del Sud Sudan dove Parolin avrà un colloquio con il presidente della Repubblica, Salva Kiir Mayardit, e con il primo vice presidente, Riek Machar, e nel pomeriggio incontrerà i vescovi del Paese.

Il 5 luglio il Segretario di Stato si trasferirà tra gli sfollati del campo di Bentiu per i quali celebrerà una Messa. Si terrà poi l’incontro con i rappresentanti dell’Onu e con il governatore. Il 7 luglio, Parolin celebrerà la Messa nel John Garang Mausoleum Park. Benedirà anche la prima pietra della nuova Nunziatura a Juba e incontrerà clero e religiosi. A conclusione del viaggio, la visita all’Università Cattolica e la succitata visita al Centro Bambini disabili a Usratuna. L’8, nel pomeriggio, il rientro in Italia che dovrebbe avvenire nella giornata del 9 luglio.