Ora legale, perché l’Italia ha detto no all’Europa e ha deciso di mantenerla

Sono tre i motivi che hanno spinto il nostro Paese a esprimere contrarietà all’abolizione del cambio tra ora le gale e ora solare

Ce lo chiede l’Europa. Ma stavolta abbiamo detto no. L’Unione europea ha invitato tutti gli Stati membri a decidere da che parte stare sulla spinosa questione dell’ora legale. L’anno prossimo dovremmo spostare per l’ultima volta le lancette dell’orologio, che poi sugli smartphone ormai si spostano da sole. Mentre dal 2021 ogni Paese dovrà decidere se adottare per tutto l’anno l’ora legale oppure, sempre per tutto l’anno, quella solare. Una scelta di campo. Senza tutti quei piccoli cambi di fuso che, secondo alcuni, rappresentano una fonte di stress per l’equilibrio psico fisico di tutti noi. Almeno per il momento, però, l’Italia si è rifiutata di scegliere. Anzi, ha depositato a Bruxelles una richiesta formale per mantenere il sistema che abbiamo adesso: sei mesi l’anno di ora legale, sei mesi l’anno di ora solare. Il position paper dell’Italia, tecnicamente si chiama così, contiene una «posizione nazionale contraria all’iniziativa». Il documento è stato depositato a Bruxelles lo scorso giugno, quando c’era ancora il governo Conte uno. Ma non è stato aggiornato dal governo Conte due.

 

Dall’ora legale a quella solare

La posizione, quindi, resta la stessa. E questo perché le perplessità sul modello dell’orario unico restano largamente condivise. Quali sono? La prima, si legge nel documento, è la «mancanza di una valutazione d’impatto dalla quale si possa evincere, in modo esaustivo, il quadro dei vantaggi e degli svantaggi». Non ci sono prove scientifiche, cioè, che quei due piccoli cambiamenti di fuso orario possano davvero danneggiare l’equilibrio psico fisico. La seconda perplessità è quella più importante, perché si parla di soldi: grazie all’ora legale, che per sei mesi l’anno ci consente di accendere le luci un’ora dopo, l’Italia e gli italiani risparmiano un bel gruzzoletto. Al documento depositato a Bruxelles il governo ne ha allegato un altro, preparato da Terna, il gestore dei tralicci dell’alta tensione, che quantifica questo risparmio in 100 milioni di euro l’anno. C’è poi un terzo dubbio sulla richiesta di Bruxelles: la possibilità che le «singole scelte degli Stati membri possano creare un mosaico di fusi orari, con il rischio di non garantire il corretto funzionamento del mercato interno». Si vorrebbe fare ordine, ma c’è il rischio di aumentare il caos. Per questo l’invito dell’Unione europea potrebbe non rispettare i «principi di proporzionalità e sussidiarietà».

Insomma, tradotto dall’eurocratese, essere una forzatura. Ma come finirà? Nei prossimi mesi la questione sarà discussa dal Parlamento e dalla commissione europea. Ma per il momento a Bruxelles, vista la tormentata formazione della squadra di Ursula von der Leyen, ci sono altre priorità. Prima o poi, però, il nodo verrà al pettine. Anche perché quello sull’ora legale è l’ultima versione di un grande classico europeo: lo scontro tra gli Stati del Nord e quelli del Sud. I Paesi del Nord sono contro l’ora legale perché da loro d’estate fa buio più tardi e non hanno bisogno di spostare le lancette in avanti per risparmiare sulle bollette. Quelli del Sud, come l’Italia, sono a favore del doppio fuso che abbiamo adesso perché ci fa guadagnare un’ora di luce nelle sere d’estate e ce ne fa recuperare un’altra nei mattini d’inverno. La battaglia andrà avanti e non si possono escludere rinvii. Ma poi, con tutte le fonti di stress che ci sono, siamo proprio sicuri che ci roviniamo la vita per quei due giorni l’anno in cui dobbiamo spostare le lancette di un’ora?