“Non attacco i dem, non voglio dividere il Paese”. La lezione di Melania Trump ai repubblicani. E il presidente ‘grazia’ un ex detenuto: “Una seconda opportunità”

Nella seconda serata della convention anche i discorsi dei figli di Trump, Tiffany ed Eric: hanno attaccato democratici e i media. Mike Pompeo: "Con Trump il mondo è più sicuro. Lo slogan 'America First' non sarà piaciuto in tutte le capitali estere, ma ha funzionato

“Lui ama questo Paese e sa come fare le cose. Non è un politico tradizionale, l’America è nel suo cuore. Donald vuole tenere le vostre famiglie al sicuro, e fare in modo che raggiungiate il successo. Votare per lui non significa dare un voto di parte, ma per i valori dell’America. E a voi, che state soffrendo la pandemia, dirò una cosa: voglio che sappiate che non siete soli”.

Con questo messaggio Melania Trump ha chiuso la seconda serata della convention repubblicana, parlando dal nuovo Rose Garden della Casa Bianca, davanti a una platea di una settantina di persone, la maggior parte apparse senza mascherina, che ha applaudito calorosamente il discorso.

Fino ad oggi la First Lady, 50 anni, terza moglie del presidente, madre di Barron Trump, aveva scelto di tenersi lontano dai binari della politica. L’intervento, secondo quanto ha detto il suo staff, non era stato sottoposto al controllo del presidente o del suo staff, ma sarebbe stato scritto da Melania e dalla sua portavoce, Stephanie Grisham. “Ogni parola è sua”, ha aggiunto la portavoce, autrice di tutti i discorsi ufficiali di Melania fin dall’inizio del 2018.

Il ritorno di Melania Trump, la First lady riluttante punta sulle casalinghe

dalla nostra inviata ANNA LOMBARDI

La First Lady era emozionata, molto tesa, con il suo inglese dalla forte pronuncia straniera. il confronto con il discorso della moglie di Joe Biden, Jill, verrà fatto oggi, in ogni caso stile e contenuti diametralmente opposti.

La First Lady ha seguito un canovaccio classico, istituzionale, concedendo solo un passaggio emozionale quando ha ricordato il giorno in cui ha ottenuto la cittadinanza americana.

Melania ha lodato l’ostinazione del marito nel “cercare in tutti i modi un vaccino per sconfiggere il virus”. Donald “fermo e determinato”, Donald marito premuroso che ha “appoggiato” tutte le sue iniziative. Melania si è definita “orgogliosa di dare il voto” al marito, ha ringraziato i genitori per averle dato la possibilità di raggiungere i suoi traguardi.

Ma c’è stato ampio spazio anche al messaggio agli americani. Dal viaggio negli ospedali per incontrare i bambini malati, tra cui quelli del Bambino Gesù di Roma, al viaggio in Africa per sentire la “tragedia dei viaggi degli schiavi”, Melania ha voluto presentarsi come un esempio morale, dicendo che “aiutare i bambini è un dovere”, convinta che l'”esempio illuminante possa ispirare altri gesti di solidarietà in tutto il mondo”.

La First Lady ha poi lanciato una chiamata collettiva, dai media agli infermieri e agli insegnanti, un aiuto per combattere la dipendenza dalle droghe e dai farmaci, una delle piaghe che attraversano il Paese.

Verso la conclusione, l’unico riferimento agli avversari di partito, ma con una presa di posizione che per chi ha seguito tutta la convention repubblicana sembra quasi una critica: “Non voglio usare questo tempo per attaccare gli altri”, perché così “si divide solo il Paese come abbiamo visto nella convention democratica”.

James Higgins: “Ha mantenuto le promesse, per questo Trump vincerà”

di MARIO PLATERO

La maggior parte degli interventi erano registrati. La presenza dal vivo di Trump non era in programma ma, come ha insegnato la prima giornata a Charlotte, la sorpresa poteva essere nell’aria. E così è stato.

Ce ne sono state due. Il presidente ha presenziato a una cerimonia per la naturalizzazione di cinque cittadini immigrati, un imprenditore boliviano, una libanese madre di tre figli, una indiana esperta di software arrivata in Usa all’età di 13, una ragazza sudanese madre di tre figli, e un ghanese arrivato nel 2015, specializzato in campo medico, che hanno giurato con il braccio destro sollevato, guidati da Chad Wolf, segretario della Sicurezza nazionale.

Alla fine è scoppiato l’applauso. “Congratulazioni – ha commentato Trump – grande traguardo. Non è stato facile quello che avete passato, avete guadagnato il premio più ambito al mondo, essere chiamati cittadini americani”. Dopo ha accompagnato la moglie, Melania, nel Rose Garden, per assistere al suo discorso. Le immagini lo hanno mostrato molto concentrato, e orgoglioso, nel sentire le parole della moglie.

Un’ora prima del via, il presidente aveva annunciato la grazia a Jon Ponder, un afroamericano condannato per aver rapinato una banca ma che in prigione ha dato vita a un programma per aiutare gli ex compagni di cella a reinserirsi nella società. “La vita di Jon è un meraviglioso testamento del potere della redenzione”, ha detto Trump, che ha sottolineanto “l’importanza delle seconde opportunità”. Un riferimento alla rielezione?

Ma è stato il quadro familiare a dominare la seconda serata tutta realizzata a Washington: oltre alla First Lady, hanno parlato due figli del presidente, Eric e Tiffany Trump, l’unica figlia avuta dall’ex moglie Marla Maples, vista fare campagna per il padre più degli altri fratelli.

Eric e Tiffany Trump attaccano i democratici e i media: “Papà renderà l’America grande di nuovo”

dalla nostra inviata ANNA LOMBARDI

Aveva parlato anche alla convention del 2016. Tiffany ha ricordato di essersi laureata in mezzo alla pandemia, lodando il padre per essere l’uomo che dà “una seconda possibilità a tutti” e, sulle orme di Trump, ha attaccato i media per “manipolare l’informazione” e “attaccare la democrazia”.

“Dobbiamo uscire dalla confort zone – ha aggiunto Tiffany – se ci toglieranno la libertà non ci sarà un altro posto dove andare. Coltivare la speranza non è segno di debolezza, credere nei miraocli è un dono che ci proviene da dio”. “Mio padre – ha continuato – è l’unica persona che ha sfidato l’establishment, ha attaccato la burocrazia. Rendere grande l’America non è uno slogan, ma una promessa che mio padre ha mantenuto”.