I migranti in giro per l’Europa senza lasciare alcuna traccia

Rischio terrorismo dagli sbarchi fantasma: a confermare questa ipotesi è anche il sostituto procuratore di Agrigento, Salvatore Vella. Ecco come i migranti riescono a girare indisturbati per l'Europa

È il settembre 2017, i casi delle Ong sono ancora lontani e la sua procura non balza agli onori dei media nazionali ed internazionali per quanto accade con le navi delle organizzazioni e lui, il procuratore Luigi Patronaggio, da Agrigento parla di rischio terrorismo tramite gli sbarchi fantasma.

Il primo sbarco fantasma registrato nel giugno 2017 nella spiaggia di Drasi, ad Agrigento

È un estate torrida quella del 2017 e non solo perché in tutta Italia si registrano temperature record anche in piena notte, ma anche per via del fatto che solo nel mese di giugno sbarcano quasi 23.500 migranti. Una cifra record, che spinge lo stesso governo del Pd a correre ai ripari dopo aver rivendicato per anni la sua linea “umanitaria”. Al Viminale c’è Marco Minniti, il quale vola a Tripoli e paga governo e milizie pur di evitare il ripetersi di simili numeri.

In effetti a luglio di migranti ne arrivano 11.000, a settembre più di 3.000: la situazione torna leggermente sotto controllo, anche se la macchina dell’accoglienza appare ingolfata. Ma mentre a Roma si fanno i conti con gli accordi con la Libia e con i controlli del cosiddetto “codice delle Ong”, ad Agrigento per l’appunto si prende sempre più familiarità con il fenomeno degli “sbarchi fantasma”.

Si tratta di approdi in cui le imbarcazioni cariche di migranti approdano indisturbate e le persone a bordo scappano, trovano la via di fuga tra le campagne siciliane attorno alcune delle spiagge più belle dell’agrigentino. Tutto inizia il 22 giugno di quell’anno, quando all’alba vengono notate due imbarcazioni in riva nella spiaggia di Drasi, al confine tra i comuni di Agrigento e Palma di Montechiaro. Attorno ai due mezzi, solo vestiti abbandonati in fretta e furia, segni di una fuga che lancia decine di migranti indisturbati in giro per le zone circostanti. Dei fantasmi, per l’appunto.

E Patronaggio, al culmine di un’estate dove nell’agrigentino sbarchi del genere se ne contano al ritmo di uno o due al giorno, non nasconde le preoccupazioni: “Tra loro ci sono persone che non vogliono farsi identificare – dichiara nel settembre 2017 il procuratore – Gente già espulsa in passato dall’Italia o appena liberata con l’amnistia dalle carceri tunisine o magari che ha preso parte alle rivolte del 2011”.

“Tra loro – è il passaggio più importante del discorso di Patronaggio – Potrebbero esserci anche persone legate al terrorismo internazionale. Per questo penso che siamo di fronte a un’immigrazione pericolosa”. Passano due anni da allora, nel frattempo accade di tutto: arriva il governo gialloverde, arriva il braccio di ferro tra Salvini e le Ong, con la procura di Agrigento che per motivi geografici e di competenza diviene crocevia dei casi più spinosi che riguardano l’immigrazione. Ora c’è anche un altro governo, ma tra gli uffici del tribunale della città dei templi gli echi dei casi sui migranti di quest’ultima estate ancora sono ben udibili.

E nelle scorse ore parla anche quel Salvatore Vella protagonista, in qualità di sostituto procuratore, di molte delle inchieste degli ultimi mesi, a partire da quella sulla Sea Watch e Carola Rackete. Vella interviene, intervistato da Radio24, proprio sugli sbarchi fantasma che, da questo mese di settembre, tornano ad impensierire le autorità sia a Lampedusa che nell’agrigentino.

Anche Vella, come Patronaggio due anni fa, non nasconde preoccupazioni sul terrorismo: “Diciamo che se io fossi un terrorista – afferma il magisrato – e dovessi scegliere una strada per entrare illegalmente in territorio europeo, sceglierei la strada degli sbarchi fantasma”. Una frase che non lascia spazio a dubbi od interpretazioni, specie se a dirla è un sostituto procuratore che ben conosce da anni il fenomeno: chi entra in Italia con approdi autonomi e non vuol lasciar traccia, evidentemente ha interesse a non farsi identificare. E questo vuol dire che non si ha a che fare né con migranti economici, né con gente in stato di necessità, bensì con gente che potrebbe creare problemi sul fronte della sicurezza.

Del resto, chi sbarca senza farsi notare ha libertà di muoversi senza grossi problemi: nessun fermo, nessun controllo, probabilmente vi sono anche appoggi logistici che aiutano un migrante che arriva con uno sbarco fantasma a muoversi per il territorio.

Un ingresso che, oltre ad essere irregolare, è anche molto più pericoloso proprio perché la persona che arriva autonomamente in Italia non viene identificata. Il pericolo terrorismo dunque c’è: lo afferma la procura di Agrigento, ma due anni fa anche l’interpol parla di almeno 50 terroristi che arrivano con gli sbarchi fantasma. Per non parlare delle inchieste compiute a Trapani e Palermo che, nei mei scorsi, smascherano giri molto pericolosi con a capo gente con simpatie jihadiste. Un’inchiesta su tutte, da questo punto di vista, è quella denominata “Barbanera”: in quel caso, ad organizzare il traffico di migranti, è un soggetto tunisino residente nel trapanese che anche sui social postava immagini e foto in cui si evidenzia un’adesione ideologica all’Isis.