Ecco cosa rischia l’Italia ​con i paletti dei Paesi frugali

Ridimensionate le aspettative dell'Italia. Per Conte una vittoria di Pirro. Il centrodestra insorge: "Primi soldi nel 2021" L'accordo che sta per materializzarsi a Bruxelles ridimensiona le aspettative dell'Italia e accontenta le richieste dei Paesi frugali, Olanda in testa.Sono tanti gli aspetti che penalizzano Roma, a cominciare dall'entità dei prestiti, superiore a quella delle sovvenzioni, e dal periodo esatto in cui saranno disponibili i fondi concessi da Bruxelles.

L’accordo che sta per materializzarsi a Bruxelles ridimensiona le aspettative dell’Italia e accontenta le richieste dei Paesi frugali, Olanda in testa.Sono tanti gli aspetti che penalizzano Roma, a cominciare dall’entità dei prestiti, superiore a quella delle sovvenzioni, e dal periodo esatto in cui saranno disponibili i fondi concessi da Bruxelles.

L’operato di Giuseppe Conte è chiamato a fare i conti con la realtà. Una realtà che smaschera le belle parole usate dal premier e dagli esponenti del governo giallorosso per riferirsi a un piano di aiuti che lascia il Belpaese con l’amaro in bocca.

L’attacco della Lega

La Lega ha fatto notare tre importanti criticità. Innanzitutto non ci sono i 500 miliardi a fondo perduto, descritti a maggio da Conte come “primo passo” per superare l’emergenza economica provocata dal Covid.

L’ultimo round sui fondi Ue. Il “ricatto” olandese la spunta

L’ultima bozza proposta dal presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, parla di 750 miliardi complessivi: 390 di sovvenzioni e 360 di prestiti. Per quanto riguarda l’Italia, sul piatto dovrebbero esserci 209 miliardi, 127 dei quali sotto forma di prestiti da restituire e soli 82 miliardi a fondo perduto.

Le criticità del Recovery Fund

Al netto delle modifiche tra prestiti e sovvenzioni, la somma finale deve essere ripartita tra tutti i Paesi. Come se non bastasse la “potenza di fuoco”, fa notare ancora la Lega, è “spalmata su 4 anni, con i primi soldi a partire dal 2021” e da compensare “con quanto già l’Italia versa all’Europa (15 miliardi all’anno)”. Restano, infine, troppi vincoli e ricatti cui far fronte.

Dalla Lega, insomma, non filtra certo soddisfazione. “La parte in prestiti andrà restituita, ma anche la parte in sussidi cosiddetti a fondo perduto sarà restituita con il nostro contributo al bilancio europeo e con nuove tasse come la plastic tax”, fanno sapere dal Carroccio.

“Chi parla di soldi regalati non sa quello che dice – rilevano infine dalla Lega – A qualsiasi titolo arriveranno, andranno restituiti fino all’ultimo centesimo dai prossimi governi. E non saremo liberi di spenderli secondo le necessità degli italiani”.

Tajani contro i Paesi frugali

Il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, ospite a Quarta Repubblica su Rete4, ha spiegato che in Europa servirebbe il voto a maggioranza, “altrimenti singoli piccoli Paesi possono bloccare intere trattative”.

Chiaro il riferimento ai cosiddetti frugali, che tornano poco dopo nelle parole dello stesso Tajani. “L’Europa è competitiva se è unita. Alcuni Paesi stanno lottando anche per difendere i loro privilegi come i “rebates”: per continuare a versare meno di quanto dovrebbero nel bilancio comunitario”, ha aggiunto.

I “frugali” tagliano gli aiuti: Ue pronta ad accontentarli

Secondo il vicepresidente di Fi, “Olanda, Austria, Svezia, Danimarca e Finlandia hanno reagito contro la Germania. Questa volta – ha detto – Merkel aveva tutto l’interesse ad avere un’Europa unita, anche per tutelare l’interesse della Germania: senza l’industria Italiana, quella tedesca non è in grado di andare avanti”.

In ogni caso “il Recovery fund è un progetto voluto soprattutto dal Partito popolare europeo. Credo in un’Europa politicamente forte che sappia confrontarsi con Russia, Cina, USA e con tutte le altre grandi potenze”, ha concluso Tajani.