Dazi Usa, conto pesante per l’Italia Roma punta sull’intervento di Pompeo

Il Wto all’Europa: 8 miliardi. La metà investirà i nostri prodotti. Oggi arriva il ministro di Trump

Il conto per l’Europa si aggira sugli otto miliardi di dollari. Dovrebbe essere questo, stando alle indiscrezioni, il controvalore dell’import europeo che gli Stati Uniti potranno colpire con i dazi.

Il danno per l’Italia è difficile da quantificare e occorre cautela. Al momento si possono solo azzardare stime che oscillano tra i circa 200 milioni di dollari fino, nello scenario peggiore, al miliardo di dollari: dipenderà dalla percentuale del prelievo e dalle filiere penalizzate. Le più esposte sono quelle dell’agroindustria: formaggi dop, come Parmigiano Reggiano, Grana, Mozzarella, Pecorino; vini, spumanti e liquori; olio d’oliva; pasta; caffè; salumi. Nel complesso il mercato statunitense vale 5,2 miliardi di dollari per l’alimentare italiano (fonte Ice, dato riferito al 2018).

La cifra totale di 8 miliardi è stata fissata dal Wto, l’Organizzazione mondiale del commercio, come risarcimento dei danni subiti dalla Boeing per la concorrenza sleale di Airbus. Ora non solo i produttori europei, ma anche le grandi catene della distribuzione americana e, naturalmente, i consumatori, aspettano di conoscere le decisioni dell’Amministrazione Trump.

Robert Lighthizer, Rappresentante per il Commercio e consigliere del presidente, ha già fatto preparare la lista delle merci da penalizzare. Da Washington hanno fatto sapere di essere pronti ad applicare prelievi fino al 100% del valore delle merci. Un primo blocco di quattro miliardi andrebbe a toccare il comparto dell’aeronautica dei Paesi che fanno parte del consorzio Airbus e cioè Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna. In questo caso tutta l’attività italiana, dalla componentistica agli elicotteri non verrà sfiorata. Guai in arrivo, invece, nella seconda tranche, degli altri quattro miliardi di dollari. Qui le specialità italiane sono investite in pieno, così come quelle francesi.

Certo, a prima vista non si capisce che cosa c’entrino i formaggi con gli aerei. Tanto più che stiamo parlando di un lungo e complicato contenzioso. La vicenda comincia nel 2004, quando gli europei presentarono ricorso al Wto contro i sussidi pubblici, pari a 19 miliardi di dollari, ricevuti dalla Boeing e gli Usa risposero, contestando i finanziamenti Ue ad Airbus. Il Wto ha completato per primo l’esame del dossier Airbus, dando ragione agli americani . Il verdetto sui sussidi di Boeing è atteso per l’inizio del 2020 e, probabilmente, saranno gli europei a poter rivalersi con i dazi sulle merci made in Usa.

Insomma c’è il rischio di un conflitto commerciale tra le due sponde dell’Atlantico potenzialmente dirompente.

Alla Casa Bianca, i fautori della linea dura si ritrovano tra le mani uno strumento di pressione tanto utile quanto inaspettato per forzare Bruxelles a negoziare una maggiore apertura dei mercati europei. Ecco perché la visita in Italia di Mike Pompeo può diventare un’occasione interessante. Il Segretario di Stato non ha la gestione tecnica del dossier commerciale, ma è evidente che qui c’è anche il tema del rapporto politico e fiduciario tra stretti alleati. Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio certamente non possono pretendere l’esenzione totale dai dazi: i fondi ad Airbus sono stati erogati dall’Unione europea, di cui l’Italia fa parte. Ma il governo farà presente che, se le indiscrezioni sono corrette, le tariffe doganali si abbatteranno in modo sproporzionato sull’agricoltura italiana. Un conto è pagare, chiamiamola così, la giusta quota della multa Wto; altra cosa è subire un accanimento,

Bisogna vedere, però, se Pompeo ha ancora margini di intervento oppure è già stato tutto deciso, anche per compiacere le lobby americane dei farmer e dell’industria di trasformazione.