Coronavirus nel mondo: 15 milioni di positivi di cui oltre 8 solo nel continente americano

627.307 persone sono morte per Covid-19 in tutto il mondo

L’epidemia di coronavirus continua a diffondersi in tutto il mondo, con 15 milioni di persone infette, di cui oltre 8 milioni nel solo continente americano, costringendo molti paesi a imporre nuove misure sanitarie.

In totale, 627.307 persone sono morte da Covid-19 in tutto il mondo, secondo un rapporto stabilito giovedì dall’AFP.

È nel continente americano che la situazione rimane la più preoccupante.

Negli Usa: 76.500 nuovi casi

Negli Stati Uniti, la pietra miliare di 4 milioni di casi ufficiali è stata superata giovedì, aggiungendo un milione di casi in sole due settimane, secondo la Johns Hopkins University, che fa riferimento. In precedenza, era stato impiegato quasi un mese per registrare un milione di casi aggiuntivi e aumentare la soglia di contaminazione da 2 a 3 milioni. A lungo accusato di negazione della pandemia, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha recentemente ammesso un “preoccupante aumento dei casi” nel sud del paese. Decise di rinunciare alla tenuta della convention repubblicana che era prevista in Florida alla fine di agosto per indurlo ufficialmente a candidarsi al Partito repubblicano alle elezioni presidenziali di novembre. A livello nazionale, i modelli epidemici prevedono, in media, un picco nelle prossime quattro settimane, secondo Nicholas Reich dell’Università del Massachusetts. Con oltre 144.000 morti, gli Stati Uniti sono di gran lunga i più colpiti al mondo in termini assoluti, davanti a Brasile e Regno Unito. Giovedì, in un giorno, gli Stati Uniti hanno registrato oltre 76.500 nuovi casi di Covid-19 – vicino al record delle 24 ore – e 1.225 decessi, secondo il conteggio dell’università.

LA SITUAZIONE NEL MONDO: GRAFICI E MAPPE

L’ondata di contaminazioni ha anche aumentato la disoccupazione per la prima volta nel paese dalla fine di marzo, preoccupando Wall Street. Poco più di 16 milioni di americani sono disoccupati e 32 milioni hanno indennità temporanee.

Coronavirus in America Latina

In America Latina e nei Caraibi, anche la soglia di quattro milioni di casi è stata superata. Il solo Brasile ora ha oltre 2,2 milioni di casi. Ciò non ha impedito al presidente brasiliano Jair Bolsonaro, infettato dal coronavirus, di guidare la sua motocicletta giovedì e di discutere, senza maschera, con spazzini vicino alla sua residenza a Brasilia, secondo le foto rilasciate dai media. A causa della diffusione dell’epidemia, la Bolivia ha annunciato il rinvio al 18 ottobre delle elezioni generali previste per il 6 settembre. La Colombia ha registrato 315 morti, il numero più alto in un solo giorno. La situazione è particolarmente drammatica in Ecuador, dove il sistema sanitario nella seconda città del paese, Arequipa, è totalmente saturo. I media locali hanno riferito che i pazienti Covid-19 stavano dormendo in tende installate vicino agli ospedali e che altri stavano passando la notte nelle loro macchine parcheggiate nelle vicinanze, sperando di trovare un letto e farsi curare .

A Flourish map

In Europa 3.007.088 casi di Covid-19

L’Europa ha ufficialmente 3.007.088 casi di Covid-19 per 206.714 morti.  Il paese che detiene il triste record europeo di 45.000 morti è la Francia, dove il numero di casi ha continuato ad aumentare con “più di 1.000” giovedì e “10 nuovi focolai” di infezione, secondo la direzione generale della sanità (DGS).

Australia, a Melbourne 422 casi di covid

In Australia, che finora era riuscito a contenere l’epidemia, lo stato di Victoria (sud), di cui Melbourne è la capitale, giovedì ha nuovamente registrato 422 nuove contaminazioni. I residenti di Melbourne sono stati tenuti a indossare una maschera da giovedì.

A Flourish map

In Sudafrica, aumento dei casi

In Sudafrica, un aumento di quasi il 60% del numero totale di decessi naturali nelle ultime settimane suggerisce che il numero di decessi correlati al coronavirus è in realtà molto più elevato di quanto indicano le statistiche ufficiali. Le scuole pubbliche chiuderanno di nuovo per un mese

In Cina: 21 nuovi casi

In Cina 21 nuovi casi di coronavirus il 23 luglio, rispetto ai 22 casi del giorno precedente. Delle nuove infezioni, 13 sono nella regione occidentale del Xinjiang, secondo una dichiarazione della National Health Commission, due  nella città di Dalian, nella provincia nord-orientale di Liaoning, mentre i restanti sei casi arrivano dall’estero. La Cina ha segnalato 43 nuovi pazienti asintomatici, rispetto ai 31 del giorno precedente. A partire da giovedì, la Cina ha avuto 83.750 casi confermati di coronavirus, ha affermato l’autorità sanitaria. Il bilancio delle vittime di COVID-19 è rimasto a 4.634