Coronavirus Lombardia: sabato il dato migliore degli ultimi 50 giorni. Bene anche Milano

Il report del 25 aprile fornito dalla Regione Lombardia: era dal 6 marzo che non si registrava un numero così basso di nuovi contagi, 713. Nella città capoluogo aumento di soli 80 casi contro i 277 del giorno precedente. Fontana: «Dati veramente incoraggianti»

CORONAVIRUS MILANO

In Lombardia, dall’inizio dell’epidemia di coronavirus, 71.969 persone sono risultate positive al Sars-CoV-2 (+713 rispetto a ieri, quando i casi positivi segnalati erano 71.256 e l’aumento sul giorno precedente era stato di 1.091). I dati sono stati forniti dalla Regione Lombardia. Di queste, sono decedute 13.269 persone (+163 rispetto a ieri, quando l’aumento rispetto al giorno prima era stato +166) e ne sono guarite e dimesse 46.172 (+790). I ricoveri in ospedale sono 8.489 rispetto agli 8.791 di ieri (-302), quelli in terapia intensiva 724 (un calo di 32 ricoveri rispetto a ieri).

Questi nel dettaglio i dati. La Provincia più colpita è quella di Milano: i casi sono passati a 17.909 (+219, la crescita ieri era stata +412). Seguono Brescia 12.540 (+65), Bergamo 11.047 (+45), Cremona 5.906 (+39), Monza 4.417 (+45). Milano città registra 7.547 casi (+80), ieri l’aumento era stato +277.

Era da quasi 50 giorni che non si registrava un numero così basso di nuovi contagiati in Lombardia e il dato di soli 713 nuovi casi positivi è ancora più incoraggiante perché ottenuto con 12.642 tamponi, quindi una quantità simile a quella dei giorni scorsi. Il 6 marzo erano stati 361 i nuovi positivi, il giorno dopo erano saliti a 808, per poi passare rapidamente sopra i mille e poi i duemila positivi al giorno.

«Sono veramente incoraggianti i dati trasmessi oggi dalla nostra Unità di crisi», ha commentato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. «Finalmente le misure messe in campo stanno dimostrando la loro efficacia e se il trend si confermasse nei prossimi giorni, vorrà dire che siamo veramente sulla buona strada. Ringrazio ancora una volta tutti i lombardi per i sacrifici che stanno compiendo». «Gradualmente – conclude il governatore – adottando tutte le misure di sicurezza, potremo tornare alla libertà, un po’ diversa da quella di prima, almeno per un po’ di tempo, ma pur sempre libertà».

Provincia per Provincia

Qui sotto la mappa dei casi divisi per Provincia
Bergamo 11.047 (+45)
Brescia 12.540 (+65)
Como 2.942 (+71)
Cremona 5.906 (+39)
Lecco 2.157 (+8)
Lodi 2.903 (+67)
Monza e Brianza 4.417 (+45)
Milano 17.909 (+219)
Mantova 3.082 (+25)
Pavia 4.036 (+45)
Sondrio 1.130 (+42)
Varese 2.407 (+31)