Chi guida Porsche, chi ha alberghi: ecco i «furbetti» del reddito di cittadinanza

Nella lista dei denunciati ci sono cantanti neomelodici, fotografi, imprenditori, venditori ambulanti, negozianti, pasticceri, pregiudicati e lavoratori in «nero». Le indagini da Milano a Siracusa passando per Torino, Genova, Roma, Frosinone, Napoli e Cosenza

Tra qualche giorno, come tutti beneficiari del Reddito di cittadinanza, avrebbero ricevuto l’attesa «ricarica». Invece, non solo la loro carta resterà a secco per sempre ma dovranno pure pagarsi gli avvocati perché sono stati denunciati per truffa ai danni dello Stato. Sono i «furbetti» del reddito di cittadinanza che, pur di incassare soldi che non gli spettavano, hanno dichiarato dati non veritieri e hanno «beffato» persino le «forche Caudine» dei primi controlli da parte Inps. Secondo il suo presidente, Carlo Tridico, l’ente ha respinto il 26 per cento delle domande ricevute. In particolare, in Campania è stata bocciata una richiesta su cinque mentre in Lombardia circa un terzo. Nella prima fase di verifica, finita a giugno, l’Ispettorato generale del lavoro, ne ha «beccati» 185 che non ne avevano diritto. Scorrendo, i comunicati delle forze dell’ordine e le notizie sparse, i casi sono saliti di molto. Un vero e proprio spaccato di malcostume italiano. Per esempio, un «furbetto» è stato trovato, con 600 euro in tasca, mentre guidava una Porsche Macan (costa a partire da 60 mila euro) con 120 grammi di cocaina, nascosta a casa in doppi fondi ricavati nelle lattine di bevande e di un piccolo estintore. La mappa dei «pizzicati» è, un vero e proprio, Giro d’Italia: dalla Lombardia alla Sicilia passando per la Liguria, l’Emilia Romagna, la Campania, la Puglia e la Calabria.

Il «campionario»

Il «campionario» dei «furbetti», denunciati dagli inquirenti, è sconfinato e comprende imprenditori, negozianti, soci di Onlus, cassieri, baristi, camerieri, lavoratori in «nero» ma anche fotografi, cantanti neomelodici, venditori ambulanti. Non mancano delinquenti, spacciatori, mafiosi e… defunti!. A Rimini, per esempio, un settantenne ha pensato bene di dichiarare di ricevere «solo» una pensione sociale. Le fiamme gialle hanno scoperto che aveva semplicemente «dimenticato» di dichiarare le sue proprietà immobiliari oltre a essere proprietario di un albergo (attualmente non attivo) del valore commerciale stimato pari a oltre 800 mila euro. Andando più a fondo hanno accertato che l’anziano usufruiva dal 2017, indebitamente, già di altre prestazioni sociali, erogate sempre dall’Inps. Un po’ più a Nord, a Milano, a dicembre ne sono stati scovati 22: in 16 sono facevano i venditori ambulanti di gadget in occasione di manifestazioni organizzate presso il Forum di Assago. Una donna invece è stata sorpresa mentre lavorava «in nero» nell’officina del padre. A mezz’ora di strada, a Bergamo, la Gdf ne ha denunciati 12. Si va da lavoratori in «nero» a due donne che riscuotevano il beneficio malgrado, nel frattempo, fossero state assunte oppure una donna, di origine libanese, che, simulando una separazione dal coniuge, non aveva indicato nella domanda il reddito del marito: oltre 120mila euro. Non sempre le operazioni sono mirate alla scoperta del reddito di cittadinanza ottenuto in modo truffaldino. A Torino una badante di origine rumena aveva ottenuto il sussidio ma non aveva dichiarato il reddito incassato nei quattro anni precedenti: 140mila euro. A Genova, invece, nell’ambito di un’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia su un traffico internazionale di cocaina dal Sudamerica, uno degli arrestati — condannato in primo grado dal Tribunale di Locri per falsa testimonianza per l’omicidio dell’allora vice-presidente del Consiglio Regionale della Calabria — percepiva, da giugno, il beneficio. L’indagato, proprietario di una villetta appena ristrutturata nel comune di Gioiosa Jonica, è stato denunciato anche per questo motivo e l’Inps gli ha sospeso l’erogazione di 500 euro al mese.

La mappa

La mappa delle indagini riguarda davvero tutto lo Stivale. Nel Frusinate ne sono stati scoperti 37. Un imprenditore, per esempio, aveva omesso di dichiarare intere quote di una società dove, tra l’altro, il figlio, facente parte del nucleo familiare, lavorava in «nero», producendo un reddito non inserito nella dichiarazione. Ventisei persone, un tempo nomadi, invece sono stati denunciati perché avevano ottenuto fraudolentemente il reddito di cittadinanza: per un ammontare complessivo di 110.000 euro. Non avevano dichiarato possidenze mobiliari e immobiliari o una composizione del nucleo familiare diversa da quella reale. Nel Casertano ne sono stati smascherati ottanta. La lista dei «furbetti» comprende baristi, pizzaioli, operai, cassieri, addetti ad autolavaggi, magazzinieri, muratori, contrabbandieri di sigarette e il «mago» della pirateria informatica. «Pizzicato» pure l’ex titolare di un caseificio che, dopo aver ceduto le quote dell’impresa ai familiari, manteneva un tenore alto di vita ed era stato più volte fermato su auto lussuose. Peccato che percepiva il reddito di cittadinanza. Per la Gdf, nella domanda non aveva inserito sua moglie nel nucleo familiare. Scoperti pure due coniugi che, tra l’altro, avevano un negozio di abbigliamento ma la loro partita Iva era chiusa. Così non dichiaravano nulla e avevano il sussidio. Nel Cosentino, sono scattate 41 denunce e una ha riguardato un fotografo professionista che pubblicizzava i propri servizi sui social network. Oltre a lavoratori in «nero» c’era anche la gestrice di un B&B che anche lei pubblicizzava l’attività sui social e su vari motori di ricerca. In molti pensavano che trasferendo, in modo fittizio, la loro residenza per far figurare un nucleo familiare ristretto la potessero fare franca. A Sora, nel Frusinate, è stata scoperto che in una attività di vendita di bibite e alimenti, a lavorare costantemente era il padre del titolare che percepiva, da giugno, il reddito di cittadinanza. Per ottenerlo aveva presentato all’Inps false dichiarazioni sulla propria posizione lavorativa. A Trapani, è stato «beccato» un pasticcere che aveva affittato un appartamento e lo aveva trasformato in laboratorio dove era aiutato dalla moglie. Da giugno, lui incassava però 700 euro al mese come beneficio da reddito di cittadinanza.

La «guerra» ai furbetti

La strategia per dichiarare guerra ai «furbetti» è stata messa a punto dal comando generale della Guardia di finanza attraverso una circolare operativa che punta a individuare chi ha provato ad approfittare. «È bene ricordare che il reddito di cittadinanza è un beneficio riconosciuto ai nuclei familiari in possesso di particolari requisiti (cittadinanza, residenza, soggiorno, reddituali e patrimoniali) — spiegano dalla guardia di finanza — che si ottiene presentando all’Inps, telematicamente o presso i centri autorizzati (Caf e uffici Postali), un’apposita domanda. Presuppone una dichiarazione sostitutiva unica (DSU) da parte di chi propone l’istanza sulla posizione patrimoniale e reddituale dell’intero nucleo familiare. È proprio sulla veridicità dei dati auto-dichiarati dai richiedenti che sono concentrati i controlli. Sono informazioni che non emergono dalle verifiche automatiche del sistema ma che possono essere scoperte solo attraverso l’azione di servizio sul territorio e grazie all’incrocio delle notizie contenute nelle diverse banche dati in uso al Corpo».

Le indagini successive

Non sempre i «furbetti» vengono scoperti con azioni mirate ma attraverso indagini successive. Per esempio, a Modena, una 39enne è stata «beccata» dalla polizia locale, durante il Gay Pride, mentre vendeva abusivamente alcolici ai manifestanti e le era stata elevata una multa salata: 5.164 euro. Le indagini successive hanno accertato che percepiva il reddito di cittadinanza da aprile e poi aveva aperto anche una partita Iva, continuando a ricevere il beneficio economico, incompatibile per legge. A Partinico, nel Palermitano, in un panificio sono stati trovati quattro lavoratori erano tutti occupati in «nero». Uno di loro percepiva anche il reddito di cittadinanza. Per il proprietario del panificio è stata invece accertata, non solo una violazione delle norme sul lavoro, ma anche una consistente evasione fiscale: 15mila euro di Iva non pagata e imposte evase su un reddito non dichiarato di 275mila euro. Per altri 11 soci di una Onlus, percettori di reddito di cittadinanza, sono in corso approfondimenti per capire se va tolto del tutto o rimodulato. Durante una verifica fiscale, le fiamme gialle hanno trovato centinaia di autocertificazioni sottoscritte dai volontari, attraverso le quali richiedevano il rimborso delle spese sostenute nel corso del servizio, senza l’indicazione però delle spesa effettuate e del giorno in cui le stesse sarebbero state sostenute. Da un raffronto è stato constatato che alcuni di questi percepivano la massima somma spettante nel mese pur avendo prestato la propria opera volontaria per meno di dieci giorni. In alcuni casi sono stati addirittura rilevati rimborsi spese nei confronti di “volontari” senza che risultasse traccia della loro presenza. Per questo, dal punto di vista prettamente fiscale, i finanzieri hanno riqualificato i rimborsi spese forfettari percepiti dai soci come veri e propri compensi. A carico della Onlus, è stato constatato l’omesso versamento di ritenute Irpef non operate per oltre 75mila euro. Invece, lo scorso ottobre, la questura di Catania ha denunciato tre manager e dieci cantanti neomelodici per reati connessi, direttamente e indirettamente, durante un concerto, conclusosi con fuochi d’artificio, che si sarebbe svolto illegalmente, chiudendo al traffico una strada. Secondo gli agenti, la «star» della serata era una cantante neomelodica Agata Arena, denunciata per affissione abusiva di manifesti pubblicitari e per truffa aggravata allo Stato per l’indebita percezione del reddito di cittadinanza. Reato che, secondo l’accusa, avrebbe reiterato presentando una nuova domanda. Oltre alla Arena, per gli inquirenti, due dei promoter e altre due persone estranee all’organizzazione del concerto sono stati denunciati per truffa perché anche loro avrebbero percepito illegalmente il reddito di cittadinanza. Nel Siracusano, in un supermercato sono stati trovati nove dipendenti in divisa che erano pagate in nero: in due percepivano il reddito di cittadinanza.

Cosa rischiano

Eppure, le pene sono severe: la legge prevede anche la reclusione da due a sei anni per chiunque presenti dichiarazioni false oppure ometta informazioni dovute. È prevista, invece, la reclusione da uno a tre anni nei casi in cui si ometta la comunicazione all’Inps delle variazioni di reddito, del patrimonio o del nucleo familiare, nonché informazioni dovute e rilevanti ai fini della riduzione o revoca del beneficio. «La decadenza ricorre allorquando uno dei componenti del nucleo familiare viene trovato — precisano dalla guardia di finanza — a svolgere: “in nero” un’attività di lavoro dipendente o di collaborazione coordinata e continuativa senza la preventiva comunicazione obbligatoria on line ai servizi per l’impiego un’attività di impresa o di lavoro autonomo, senza la comunicazione di inizio di attività all’Inps, da effettuare entro trenta giorni dall’inizio della stessa». La revoca, invece, ricorre «con efficacia retroattiva, qualora al termine del processo penale, sia stata accertata la responsabilità della persona, oltre alla condanna definitiva ne sussiste una accessoria che comporta la restituzione di quanto indebitamente percepito l’Inps abbia accertato la non veridicità della documentazione e delle informazioni prodotte a corredo dell’istanza o l’omessa comunicazione successiva delle variazioni patrimoniali o riferite ai componenti del nucleo familiare».

Lo scopo

Lo scopo dei controlli per la guardia di finanza è chiaro: «bisogna tutelare la fiducia che i cittadini onesti devono poter nutrire nella corretta destinazione delle ingenti risorse che il Paese, non senza sacrifici, destina agli aiuti economici e ai servizi sociali riservati a chi si trovi in una reale condizione economica e sociale di svantaggio». Secondo i calcoli dell’Inps, il reddito avrà un costo per le casse statali nel 2019 di 5,2 miliardi. La distribuzione territoriale vede in testa il Sud continentale (39%), seguita dal Nord (24%), dalle isole (22%) e, quindi, dal Centro (15%) ed alle isole il 22%. La media mensile percepita dai cittadini è di 549,71 euro. Le verifiche sui percettori sono appena iniziate e tanto è ancora da fare ma se si considera che a intascare il reddito — secondo Tridico, presidente dell’Inps — sono 2,4 milioni di persone (oltre 982 mila i nuclei familiari), significa che la percentuale dei truffatori è bassissima. I problemi sul campo per le casse dello Stato sono tanti. Secondo gli ultimi dati Istat, nel 2017, l’economia sommersa ammonta a poco meno di 192 miliardi di euro (12,1% del Pil) e le attività illegali a circa 19 miliardi. I lavoratori irregolari sono 3,7 milioni, in crescita di 25 mila unità rispetto al 2016. Un dato, purtroppo, spaventoso.