Newsletter di RadioMaria

Newsletter 20 Luglio 2016 

 

Cari amici,
                Il terrorismo di matrice islamica rappresenta uno dei pericoli più gravi che incombe sulla nostra società. Il problema non è soltanto politico, ma anche e soprattutto religioso. Non vi è dubbio che la grande maggioranza di musulmani che vive in Occidente sia gente che vuole fare una vita tranquilla. Tuttavia è doveroso chiedersi che cosa i musulmani pensino di noi e della religione cristiana. Una messa a fuoco a riguardo ci aiuterà a capire che l’obbiettivo dell’Islam di qualsiasi tendenza è quello di sostituirsi al cristianesimo e ad ogni altra espressione religiosa. I mezzi per farlo dipendono dalle circostanze storiche.
In merito a questo argomento potete leggere il mio editoriale sulla recente strage di Nizza ed una mia pagina su ciò che insegna il Corano riguardo al Cristianesimo. 

Vostro Padre Livio


clicca qui per leggere tutti gli editoriali

LA DONNA E IL DRAGO
Cari amici, dall'11 Settembre 2001, data emblematica dell'inizio del terrorismo fondamentalista come nuova forma di guerra che mira all'annientamento  di tutto e di tutti, il mondo sta diventando sempre più insicuro, in particolare le città dell'Occidente. Che cosa ci aspetta nell'immediato futuro? Con quali armi affrontare diluvio di odio e violenza che incombe? Quale sarà lo sbocco di questa folle corsa verso la catastrofe? La ragione vacilla di fronte a questi interrogativi e sorge il dubbio che, per quanto gli Stati si diano da fare, difficilmente verranno  a capo da questo scatenamento infernale dell'impero delle tenebre. Solo lo sguardo della fede ci aiuta a capire quello che sta accadendo e quali siano i veri contorni della battaglia. Come da ormai 35 anni ci rivela la Regina della pace,  dietro le vicende umane è in atto una grande battaglia fra il bene e il male, fra l'amore e l'odio, fra la Donna vestita di sole e il dragone infernale. In palio c'è la salvezza di innumerevoli anime e lo stesso futuro dell'umanità, che sta correndo verso l'abisso dell'autodistruzione. Per uscire vincitori da questo tremendo passaggio storico non bastano i mezzi umani, per quanto necessari. Il nemico da respingere infatti è Satana, che vuole l'odio, vuole la guerra e vuole distruggere lo stesso pianeta sul quale viviamo. Per questo la Madonna invita i suoi figli, che hanno rinnegato Cristo e si sono illusi di costruire un mondo senza Dio, a ritornare a Lui con la preghiera, la fede e la conversione. Questo cambiamento dei cuori otterrà da Dio la grazia della sapienza, della forza e del coraggio per uscire dalla grande tribolazione e per entrare nel nuovo mondo della pace.

Vostro Padre Livio




IL CRISTIANESIMO COME LO VEDE L’ISLAM
Per la tradizione musulmana il Corano è la fonte principale della dottrina e della legge islamica. 
Esso non è “ispirato”, come le Sacre Scritture cristiane, le quali, pur avendo Dio come autore principale, ritengono gli autori umani come  “veri autori”, con la loro libertà e la loro personalità. E’ invece “dettato” da Dio stesso attraverso l’angelo Gabriele ed è una copia del libro celeste che è presso Dio ed è a Lui coesistente. Per i musulmani, viene dunque da Allah non solo ciò che riguarda la loro religione, ma anche la corretta interpretazione del cristianesimo. Inutilmente, in un ipotetico dialogo interreligioso, i cristiani proporrebbero la visione della fede cristiana ai musulmani. Per essi il cristianesimo è quello che viene interpretato dal Corano e nessun argomento umano potrebbe cambiare quella che per loro è una rivelazione divina. Nella prospettiva musulmana è Maometto che, in nome di Allah, ci dice chi era veramente Gesù Cristo e quale è stato il suo insegnamento.
                Il primo dogma cristiano riguarda la fede in Dio che è Uno nella natura e Trino nelle persone. 
I cristiani hanno sempre professato l’unità e l’unicità di Dio, espressa all’inizio  della loro professione di fede:  “Credo in un solo Dio”. La distinzione delle tre persone divine avviene all’interno della SS. Trinità, che non è infinita solitudine, ma eterna comunione di amore. Il Corano, echeggiando le numerose eresie antitrinitarie e gli insegnamenti del giudaismo  talmudico, non solo respinge con sdegno il dogma trinitario, ma accusa i cristiani di essere dei miscredenti: “Sono miscredenti quelli che dicono: In verità Dio è un terzo di tre” (Corano 5,73). Altrove si afferma: “Egli, Dio, è uno! Dio, l’Eterno! Non generò né fu generato, e nessun gli è pari!” (Corano 112,1-4). 
Alla luce di queste affermazioni non si può certo sostenere che i cristiani e i musulmani adorino lo stesso Dio. Infatti il Dio cristiano è trinitario e i musulmani non adorano come Dio né Gesù né lo Spirito Santo. Di qui l’equivoco che potrebbe nascere quando si pongono l’ebraismo, il cristianesimo e l’Islam sotto l’etichetta comune del monoteismo. La conclusione è che invano i cristiani affermano di credere “in un solo Dio”. Per i musulmani essi sono idolatri in quanto adoratori di tre divinità.
                Oltre a ciò, il modo stesso di concepire il rapporto con Dio è molto diverso. L’Islam, negando la paternità divina, non riesce a considerare Dio come un vero padre verso gli uomini, pur essendo il loro creatore. Per un musulmano Allah è l’Altissimo, col quale non è possibile instaurare un rapporto filiale di confidenza. La stessa parola “Islam” significa “sottomissione”, che esclude una relazione di familiarità persino in Paradiso (Corano 78, 37). Indubbiamente Allah, oltre ad essere il Creatore, il Potente e il Dispensatore, è anche il Misericordioso, ma continuando a rimanere inaccessibile e troppo alto per le sue creature. Date queste premesse, viene escluso anche il concetto di mediazione e di intercessione, in quanto nulla e nessuno potrebbe colmare questa distanza infinita. E’ significativo il fatto che non di rado dei musulmani vadano a pregare nei santuari mariani al fine di ottenere delle grazie.
                L’altro dogma di fede, che l’Islam respinge con orrore, è quello dell’incarnazione. A differenza del giudaismo talmudico, il Corano parla sempre di Gesù con grande rispetto, però in quanto è un profeta precursore di Maometto. Ridurre Gesù Cristo a dimensione puramente umana è indubbiamente la tentazione perenne dell’umanità. A questo riguardo la nostra generazione non si differenzia certo da quella dei contemporanei di Gesù che l’hanno giudicato reo di morte per essersi fatto uguale a Dio (Gv 10,33).Tuttavia Maometto non solo pone Gesù sulla linea dei profeti, ma lo chiama al servizio dell’Islam, avendo Egli preannunciato la venuta di un profeta e di una legge più perfetta della sua (Corano 61,6). La grandezza di Gesù Cristo non starebbe in ciò che gli uomini, anche i non credenti, hanno sempre ammirato nella sua persona e nella sua dottrina, ma esclusivamente nell’aver preparato la via all’avvento di Maometto.
                La negazione della divinità di Gesù Cristo è categorica e polemica: “Certo, sono miscredenti quelli che dicono: “Il Messia, figlio di Maria, è Dio” (Corano 5,72). “I cristiani dicono: “Il Cristo è figlio di Dio”. Questo è ciò che dicono con la loro bocca, imitando ciò che dicevano i miscredenti che li hanno preceduti. Dio li maledica! Come sono fuorviati!” (Corano 9,30). “I Cristiani dicono che il Misericordioso si è preso un figlio. Rispondi loro: avete detto una cosa mostruosa! Non si addice al Misericordioso di prendere per sé un figlio, né di associare alcuno al suo regno” (Corano 19, 91-93). 
Appare chiaro che il cuore stesso della fede cristiana, il mistero dell’incarnazione, è per l’Islam una cosa mostruosa. Lo scandalo dell’incarnazione si manifesta nel Corano con la stessa veemenza con cui è esploso durante la predicazione di Gesù e la negazione non è meno recisa di quella di molti nostri contemporanei. Quello che dicono i musulmani di Gesù Cristo è ciò che dice “la gente”, cioè la carne e il sangue (Matteo 16,18). Invece di essere “qualcuno dei profeti”, come credevano le folle che seguivano Gesù, per i musulmani è colui che ha preannunciato la venuta di Maometto. Non è da sottovalutare questa obbiettiva alleanza fra le grandi religioni contemporanee (Islamismo, Buddismo, Induismo) e l’ateismo dilagante in occidente nel rifiutare come uno scandalo la divinità di Gesù Cristo.
                Tuttavia Maometto si rende conto che i cristiani credono nella divinità di Gesù Cristo perché sono i vangeli ad affermarla. A suo modo, cioè attribuendosi una rivelazione divina,  nega la storicità dei vangeli e mette in bocca a Gesù l’affermazione di non aver mai preteso di farsi uguale a Dio e di non aver fondato nessuna Chiesa (Corano 5, 116-117). “ I misteri centrali del messaggio evangelico – afferma Mons. H. Tissier – Vescovo di Algeri - sono considerati dalla quasi totalità dei musulmani (…) come la prova dell’infedeltà dei cristiani. Sicché l’Islam non riconosce nella Chiesa odierna la comunità dei discepoli di Gesù. Per i musulmani, i cristiani non sono la Chiesa di Gesù (…) e né la Bibbia né il Vangelo sono libri autentici”. 
Giovanni Paolo II, che non ha mancato di sottolineare la religiosità dei musulmani, specie per quanto riguarda la loro fede in Dio e la fedeltà alla preghiera, prende atto di queste distanze teologiche incolmabili: “ L’Islamismo – afferma – non è una religione di redenzione. Non vi è spazio in esso per la Croce e la Resurrezione. Viene menzionato Gesù, ma solo come profeta in preparazione dell’ultimo profeta, Maometto. E’ ricordata anche Maria, sua Madre verginale, ma è completamente assente il dramma della redenzione. Perciò non soltanto la teologia, ma anche l’antropologia dell’Islam è molto distante da quella cristiana” (Giovanni Paolo II in Vittorio Messori -  Varcare la soglia della speranza  - Mondadori, pag. 104). 
Da sottolineare in  modo particolare la reazione di ripulsa del Corano nei confronti della croce, così viva anche oggi negli atteggiamenti dei seguaci dell’Islam. Infatti Maometto non si fa scrupoli nel negare il fatto storico della crocifissione di Gesù, che non è mai stato messo in discussione da nessun avversario del cristianesimo, né nell’antichità, né nei tempi moderni: “Gli ebrei affermano: ”Abbiamo ucciso il Messia, Gesù figlio di Maria, messaggero di Dio”. In realtà non l’hanno né ucciso né crocifisso, ma qualche altro fu reso ai loro occhi simile a lui” (Corano 4,156-158). Nessuna argomentazione di critica storica potrà mai convincere un musulmano che l’affermazione del Corano non è sostenibile. “Nel Corano l’Islam pretende di detenere il monopolio assoluto di ogni verità e di ogni bene (…) Di conseguenza tutto ciò che non è racchiuso nel Corano è privo di qualsiasi interesse ed anzi sospetto.” (Stefano Nitoglia – op. cit pag 35). Il rifiuto della croce è in realtà il rifiuto del dogma cristiano della redenzione: “ Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo”. Per L’Islam non vi è peccato originale, non vi è quindi bisogno di liberare l’uomo dalla schiavitù del male e di risanare la natura umana mediante la grazia. L’Agnello di Dio che porta su di sé i peccato del mondo, per redimerli mediante la croce, è per l’Islam non solo incomprensibile ma persino ripugnante. 
Il rispetto dei musulmani per Gesù, in quanto  precursore di Maometto, si estende anche a Maria sua Madre verginale. Tuttavia la prospettiva è quella tipica del Corano. Poiché l’Islam nega la divinità di Gesù Cristo, nega ovviamente anche la divina maternità di Maria, la quale non è la “Theotokos” (Madre di Dio), ma la madre del profeta Gesù. Nel Corano infatti Gesù è costantemente chiamato “il figlio di Maria” in contrapposizione alla professione di fede cristiana per la quale è il “Figlio di Dio”: “Questi è Gesù, figlio di Maria, parola di verità di cui alcuni dubitano. Non si addice a Dio prendersi un figlio! Gloria a lui! Quando egli decide una cosa, basta che dica: “Sia”, ed essa è” (Corano 19, 34-36). Non sappiamo come Maometto intendesse l’espressione “Figlio di Dio”, che è il caposaldo della fede cristiana in Gesù Cristo. Sta di fatto che egli si scandalizza, ritenendola un'offesa alla divina maestà: “Dicono: “Il Clemente si è preso un figlio”. Dite una cosa mostruosa! Poco manca che si spalancano i cieli, si squarci la terra e crollino in frantumi i monti, per avere essi attribuito un figlio al Clemente! Non si addice al Clemente prendersi un figlio” (Corano 19,88-92). 
E’ curioso come il Corano, riferendosi a Maria, incappi in numerosi errori storici e contraddizioni. Fra l’altro viene confusa con la sorella di Mosé e di Aronne, vissuta mille e cinquecento anni prima (Corano 19, 27-28). Tuttavia è innegabile che la Madre di Dio, pur considerata la Madre verginale di un semplice profeta (i musulmani riconoscono la verginità di Maria), eserciti la sua presenza discreta fra i seguaci di Maometto, specialmente le persone semplici. Verso di lei non di rado vi è non solo rispetto e ammirazione, ma anche un atteggiamento di devozione. Si può intravedere in questo un segno di speranza posto dalla Provvidenza nel contesto di una religione così decisamente anti-cristiana? O non è forse un’inconscia compensazione per la mancanza nell’islam di figure femminili significative?
La negazione dei fondamenti stessi del cristianesimo fa parte dell’insegnamento del Corano ed è comune a tutti i musulmani. Non bisogna infatti dimenticare che “Se i metodi e le strategie di azione dell’Islamismo cosiddetto moderato differiscono da quelli dell’Islamismo cosiddetto radicale e da quello di matrice terrorista, nondimeno i fini appaiono i medesimi: la soggezione di tutto il mondo all’Islam, considerato il sigillo e il compimento di tutte le rivelazioni. La dottrina classica dell’Islam, accettata da tutti i musulmani, divide, infatti, il mondo in due parti: “territorio dell’Islam (Dar al – Islam) dove vige la legge dell’Islam, e “territorio di Guerra” (Dar al Harb), dove sono gli infedeli. Quest’ultimo territorio deve essere conquistato e assoggettato all’Islam”. (Stefano Nitoglia – op. cit. - pag 11). 
Tratto da: "Non prevalebunt, manuale di resistenza cristiana"
di Padre Livio Fanzaga - Edizioni Sugarco





In occasione della GMG 2016, ogni giorno, durante il notiziario delle 13.30, uno speciale dedicato all'incontro che si terrà a Cracovia, 26 - 31 luglio 2016

 




DA NON PERDERE... un libro per le tue vacanze che davvero
può darti molto: 
RAGIONI PER VIVERE RAGIONI PER CREDERE
La prossima Giornata mondiale della Gioventù sarà a Cracovia dal 26 luglio al 31 luglio 2016. Oltre 4 milioni di giovani arriveranno da tutto il mondo.. "Procedendo insieme nella ricerca delle RAGIONI PER CREDERE E PER VIVERE sarà possibile intravedere con sempre maggiore chiarezza quale grande luce sia il messaggio cristiano per dare senso alla vita".
(P. Livio - ediz. San Paolo)

      RICHIEDI I LIBRI AI NOSTRI UFFICI: 
tel. 031-610600  info.ita@radiomaria.org  fax 031-611288

 

 

 
alla prossima newsletter!

   

CERCHI QUALCOSA?

Radio Maria e il Papa

Catalogo

CatalogoLibri

DVD

CD MP3

                          Modulo di Richiesta

Ricerca Collaboratori

Se vuoi collaborare con noi clicca qui

Documenti e Articoli

Radio Maria - Via Milano 12, 22036 Erba (CO) - CF 94023530150 - info.ita@radiomaria.org

Privacy | Mappa del sito | Versione stampabile | Entra | © 2008 - 2017 Radio Maria | Powered by WFRM